Qual è la dose giornaliera di olio extravergine d’oliva?

Inserire l’olio extravergine d’oliva nella nostra dieta è un atto d’amore nei confronti del proprio corpo. Ma qual è la dose giusta per trarne tutti i benefici? Scopriamolo insieme.

L’olio extravergine d’oliva rientra nella categoria dei grassi, uno dei micronutrienti fondamentali accanto a proteine e carboidrati, ad è quindi un alimento essenziale per l’alimentazione umana. L’olio extravergine d’oliva non è un semplice grasso da condimento, si tratta infatti di un alimento prezioso per sua qualità nutritiva e curativa del nostro organismo.

OLIO EXTRAVERGINE E BENEFICI

Grazie alle sue proprietà nutrizionali e benefiche, l’olio evo è stato riconosciuto come alimento nutraceutico: ossia un alimento fondamentale sia sotto il profilo nutritivo che quello farmaceutico/curativo.

Tra le diverse sostanze contenute nell’olio extravergine si annoverano

  • L’acido oleico: un grasso monoinsaturo che ha due prerogative:
      • Contribuisce a diminuire i livelli di colesterolo LDL (cattivo) nel sangue e nel frattempo aumenta il colesterolo HDL (buono).
  • La vitamina E: un potente antiossidante utile nel contrastare l’insorgenza di radicali liberi.
  • Oleuropeina: utile nella prevenzione dell’osteoporosi, protegge e favorisce la formazione di tessuto osseo.
  • Omega 3 e 6: utili a contrastare infiammazioni, aiutano a preservare il sistema cardiovascolare. 

PER CHI È INDICATO L’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA

L’istituto nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) ha stilato le linee guida per una sana alimentazione italiana, includendo tra gli alimenti base proprio l’olio extravergine d’oliva.

Quest’ultimo viene indicato come fonte di grasso di estrema qualità, da preferire rispetto ad altri tipi di grassi che, nonostante il minor apporto calorico, non assicurano un tale ventaglio di benefici.

L’INRAN consiglia di preferire sempre l’olio extravergine d’oliva, in particolare durante fasi di vita che richiedono un supporto maggiore di nutrienti di ottima qualità:

  • Gravidanza
  • Allattamento
  • Menopausa
  • Anzianità

DOSE GIORNALIERA

Diventa importante limitare le quantità di grassi giornalieri assunti e puntare tutto sulla qualità. In generale la dose giornaliera dei macronutrienti variano in base

  • All’età
  • Al sesso
  • Al grado di attività

È dunque complicato indicare con esattezza un fabbisogno giornaliero standard ma, anche in questo caso, ci viene incontro l’INRAN indicandoci le dosi di riferimento giornaliere di olio extravergine di oliva in base a diversi fattori:

Chiariamo intanto che per dose si intendono 10 g di Olio extravergine d’oliva, equivalenti a un cucchiaio da minestra.

Di seguito invece le indicazioni in base alla propria dieta e ad altri fattori personali:

  • 3 porzioni giornaliere: per bambini oltre i 6 anni; donne anziane con vita sedentaria; adolescenti femmine; donne adulte con attività lavorativa non sedentaria, uomini adulti con attività lavorativa sedentaria.
  • 4 porzioni giornaliere: per adolescenti maschi; uomini adulti con attività lavorativa non sedentaria o moderata attività fisica.

 

L’OLIO EXTRAVERGINE CANINO DOP DI OLIO GENTILI

Per fare un carico di antiossidanti ci viene incontro senza dubbio il nostro Olio extravergine Canino D.o.p., un olio dalle caratteristiche particolari che può essere considerato il simbolo del territorio dell'Alta Tuscia Laziale. 

La sua produzione è eseguita seguendo un disciplinare che prevede che le olive per produrlo siano raccolte in un preciso momento dell'anno (all'incirca verso la fine di ottobre), inoltre la sua composizione deve comprendere per il 50% le olive di qualità Caninense dal sapore e carattere deciso, che svelano la carica di antiossidanti presenti in questa produzione.

I tratti vigorosi del cultivar Canino vengono ammorbiditi dalla presenza di cultivar più "docili" come il leccino, il frantoio e il moraiolo, questo per regalare un prodotto unico, in grado di esaltare tutti i piatti della tradizione italiana.