SCOPRI LE NOSTRE PROMOZIONI QUI

Il Nostro Frantoio

UNA STORIA LUNGA 200 ANNI

Sono Romolo Gentili, ultimo discendente di 5 generazioni di olivicoltori e attuale proprietario del Frantoio Gentili. Cresciuto a pane e olio in mezzo agli uliveti dell’Alta Tuscia Laziale, ho appreso il mestiere guardando da vicino il lavoro dai miei avi e, neanche troppo piano, ho imparato ad amare questa nobile attività.

Da 200 anni portiamo avanti i valori di una tradizione familiare basata sull’artigianalità, il rispetto per l’ambiente e la genuinità delle materie prime che utilizziamo.

Amiamo la nostra terra e il nostro olio è frutto del legame secolare che ci lega al territorio vulcanico dell’Alta Tuscia: è proprio tra queste colline incontaminate che raccogliamo le olive di varietà Caninese e le raccogliamo da alberi messi al suolo dai nostri antenati.

Il frantoio di oggi è molto diverso da quello del 1820 ma nonostante la sua struttura si sia profondamente rinnovata, il nostro olio porta sempre con sé l’eco e la saggezza delle generazioni passate.

LA NASCITA DEL FRANTOIO

Fu Giovanbattista Gentili ad aprire il frantoio nel centro storico di Farnese, un piccolo paese in provincia di Viterbo, a pochi passi dal lago di Bolsena.

Allora le macine in pietra erano trainate da muli e l’entusiasmo di Giovanbattista contagiò anche Pietro e Romolo Gentili, mio nonno.

IL DOPOGUERRA

La grande guerra fece fermare tutto, ma al suo ritorno nonno Romolo riprese l’attività con molta più passione di prima.

Trasferì il frantoio all’interno di una grotta e decise di investire in impianti più moderni, alimentati da motori elettrici e a pressione.

È in questo frantoio che, prima mio padre e poi io, siamo cresciuti ed è qui che la passione per questo lavoro è stata tramandata di generazione in generazione.

LA VITA DEL FRANTOIO

Il mio amore per il mestiere nacque quando avevo appena 6 anni: ricordo che dopo la scuola, finito il pranzo correvo subito in frantoio per vedere da vicino come funzionava. Mi proponevo già allora per dare una mano, quando possibile mi cimentavo in piccole mansioni di cui ero sempre curioso, ma ho appreso tantissimo anche semplicemente osservando gli operai che vi lavoravano durante i loro lunghi turni. Con il passare degli anni, presi a frequentare il frantoio sempre più spesso fino a quando, appena diciannovenne, iniziai a lavorarci a tempo pieno. 

IL FRANTOIO OGGI: TRA TECNOLOGIA, TRADIZIONE ED ECOLOGIA

Oggi lavoro nella nuova struttura che sono riuscito a costruire grazie anche al supporto di mio padre e dove, nonostante le difficoltà, stiamo crescendo tutti insieme.

Rimaniamo fedeli all’artigianalità del lavoro e alla tradizione perché è da questi antichi valori che prendono forma il carattere e la qualità dell’olio extravergine che produciamo. I nostri oliveti e i nostri oli non sono solo frutto della calda atmosfera mediterranea ma incorporano anche il patrimonio di conoscenze e valori che la famiglia Gentili ha custodito e trasmesso per centinaia di anni.

I VALORI DI OLIO GENTILI

“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”.

IL FATTORE UMANO

A partire da questo assunto di Mahatma Gandhi, coltiviamo il valore dell’accoglienza, valorizziamo il contatto umano con il cliente e facciamo dell’etica la nostra cifra distintiva.

L’AMBIENTE

Un altro punto cardine del nostro frantoio riguarda l’ecosostenibilità: ci impegniamo ad adottare tecniche produttive a basso impatto ambientale e a fare uso di energie pulite per portare avanti la nostra attività.

Da anni abbiamo ridotto significativamente le emissioni di CO2 grazie all’introduzione del fotovoltaico e di un impianto produttivo in bambù.

Il pack riciclabile

Per festeggiare i 200 anni del frantoio, abbiamo deciso di rinnovare il pack dei nostri prodotti in ottica green: le nuove etichette sono ora completamente rimovibili e il materiale di tutti gli imballaggi è scomponibile e riciclabile in ogni sua parte.

La linea bio

Da 15 anni portiamo avanti una linea di produzione certificata Bio, assicurando un prodotto completamente naturale e libero da tracce di fitosanitari.